ERGO NON SEI

Produzione TeatriAlchemici
Prima rappresentazione: Giugno 2010, Napoli Teatro Festival
FINALISTA FRINGE2FRINGE NAPOLI TEATRO FESTIVAL 2010

 

TESTO Luigi Di Gangi, Julio Garcia e Ugo Giacomazzi

REGIA Luigi Di Gangi e Ugo Giacomazzi

CON Luigi Di Gangi e Ugo Giacomazzi

COSTUMI Fabrizio Lupo

LUCI Luigi Biondi

MUSICHE Gianluca Porcu

DISEGNO DEL SUONO Francesco De Marco

Michele, quarantenne, assistente della cattedra universitaria di storia e filosofia, uomo solitario, celibe, ateo convinto, da sempre convive con la madre; non ha grandi aspirazioni, né progetti o desideri, vive la sua vita da studioso e i quotidiani rapporti col Professore e coi colleghi, senza cercare cambiamenti o forti emozioni, all’interno di un mondo che lo ha divorato e completamente annichilito. Il rapporto di coppia con la madre è saldo, basato su regole antiche, il suo amore filiale nutrito da codici prescritti dal tempo, immutabili. Le colazioni quotidiane, gli spazi di privacy, “il mio e il tuo”, la condivisione dei momenti privati, il racconto dei sogni notturni, il rito irrinunciabile del pranzo domenicale: tutto si ripete secondo un copione trasmesso non dalla scrittura ma dall’usura di una relazione abitudinaria, vulcano che sembra spento e che invece riposa soltanto. La Madonna del Ponte, avvocata nostra, scende sulla Terra a risvegliare questo vulcano annunciando a Michele il suo destino: il conclave di Madonne, riunitosi in Cielo, lo ha scelto come nuovo Eletto, colui che dovrà diffondere il nuovo Vangelo e parlare al mondo con animo illuminato. Questo incontro creerà in Michele rapidi e radicali mutamenti, nei rapporti con se stesso, con la madre, col mondo. E, poiché chi è unto unge a sua volta pur non volendo, anche le persone accanto a lui cambieranno malgrado tutto. Nei tre giorni in cui deve compiersi tutto, il tempo è una spada di Damocle nella vita di un uomo messo di fronte a un fatto compiuto e a cui non è richiesta alcuna scelta, ma solo l’ammissione della propria responsabilità. Accettare di essere l’eletto non è facile per nessuno – “allontana da me questo calice” – tanto meno per un uomo che non crede in Dio. Ma egli accetterà il suo destino? Sulla scena i due personaggi, la Madre e il Figlio, agiscono uno spazio vuoto dove tutto è soltanto evocato, la casa, i mobili, gli oggetti, i panorami; un dentro e un fuori fisici e metafisici al punto da farci chiedere se stiamo assistendo alla realtà o alla messa in scena della stessa. Un mondo fatto di aria, intangibile come le domande che l’uomo pone a se stesso da millenni e che rivivono in questa nostra storia per Madre, Figlio e Madonna.

Back to Theatre